FAIL (the browser should render some flash content, not this).
Caricamento immagini....

SABBIE SILICEE: RINFORZO E CONTROLLO DELL’EROSIONE SULLE SCARPATE DELLA MINIERA DI FLORINAS (SS)

<p> SABBIE SILICEE: RINFORZO E CONTROLLO DELL’EROSIONE SULLE SCARPATE DELLA MINIERA DI FLORINAS (SS)</p>

SABBIE SILICEE: RINFORZO E CONTROLLO DELL’EROSIONE SULLE SCARPATE DELLA MINIERA DI FLORINAS (SS)

<p> SABBIE SILICEE: RINFORZO E CONTROLLO DELL’EROSIONE SULLE SCARPATE DELLA MINIERA DI FLORINAS (SS)</p>

SABBIE SILICEE: RINFORZO E CONTROLLO DELL’EROSIONE SULLE SCARPATE DELLA MINIERA DI FLORINAS (SS)

SABBIE SILICEE

SABBIE SILICEE: RINFORZO E CONTROLLO DELL’EROSIONE SULLA MINIERA DI FLORINAS (SS).

SABBIE SILICEE.  L’intervento prevedeva un’applicazione sulle scarpate della Miniera di sabbie silicee di Florinas (SS) di proprietà della Sarda Silicati Srl.

SABBIE SILICEE. La pendenza delle superfici da trattare, l’intensa erosione di tipo RILL che spesso evolveva in locale dissesto idrogeologico, il clima ventoso, freddo d’inverno e torrido d’estate, i periodici incendi estivi, apparivano i problemi più evidenti.

SABBIE SILICEE. Il rinforzo delle scarpate, il controllo dell’erosione del fronte dismesso della miniera, rappresentavano gli obbiettivi principali.

SABBIE SILICEE. Non trascurabile la forte attesa dovute alle prescrizioni ambientali degli enti competenti per un inerbimento che potesse mitigare visivamente il colore bianco intenso del fronte minerario e reinserire nel paesaggio l’area profondamente antropizzata.

SABBIE SILICEE. Particolarmente evidente è stato il risultato ottenuto con un potente inerbimento mediante piante erbacee a radicazione profonda, per il definitivo controllo dell’erosione e del dissesto idrogeologico, anche grazie all’impermeabilizzazione del versante.

SABBIE SILICEE. La vulnerabilità del litotipo, l’elevata pendenza della scarpata e le attese per un intervento di ingeneria naturalistica di grande pregio, hanno reso ancora più stimolante l’obbiettivo dell’intervento con i PRATI ARMATI®.

SABBIE SILICEE. Particolare interesse ha suscitato il risultato se si pensa che l’obbiettivo è stato raggiunto con i  PRATI ARMATI® senza l’utilizzo di terreno vegetalebiostuoie, etc.

SABBIE SILICEE. Non sono state necessarie neanche altre soluzioni antierosive tradizionali tipiche dell’ingegneria naturalistica come: georeti antierosive tridimensionali e geocelle.

SABBIE SILICEE. La presenza del litotipo che rilassandosi assumevano consistenza terrigena, non ha richiesto il tradizionale abbinamento di rete metallica paramassi a doppia torsione, tradizionalmente accoppiata all’inerbimento mediante idrosemina.

 

Litotipo: SABBIE  SILICEE

SABBIE SILICEE. I PRATI ARMATI® vegetano perfettamente su qualsiasi litotipo, anche il più sterile e inquinato.

SABBIE SILICEE. L’impiego di questa tecnologia antierosiva naturale consente quindi di operare anche in aree in cui le condizioni pedoclimatiche erano fino a pochi anni fa ritenute proibitive per lo sviluppo della vegetazione e, data la sua semplicità realizzativa, riduce notevolmente costi, energia, rischi, tempi di lavorazione.

Litotipo: SABBIE  SILICEE

 I PRATI ARMATI® sono una tecnologia naturale che:

  1. impiega sementi di piante erbacee perenni a radicazione profonda, prevalentemente autoctone, in grado di vegetare su ogni litotipo e in qualunque clima (pH compreso tra 4 e 11, temperature comprese tra circa -40° C e +60 °C)
  2. contrasta l’EROSIONE e consente la RINATURALIZZAZIONE anche sui litotipi più sterili e inquinati da metalli pesanti e idrocarburi, quali:
    • TERRE (argille, limi, sabbie, ghiaie e loro miscele)
    • ROCCE (purchè alterate o fratturate) quali conglomerati debolmente cementati, marne calcareniti, flysch, piroclastiti, scisti,  rocce acide o basiche
    • Terreni additivati con calce fino al 5% in peso
    • Suoli inquinati da idrocarburi e metalli pesanti in concentrazioni anche 10 volte superiori ai limiti massimi  di legge.
  3. riduce l’infiltrazione d’acqua nel sottosuolo grazie alla fitta coltre epigea e ne favorisce la rimozione dai primi strati attraverso l’evapotraspirazione, con positive ripercussioni su alcuni parametri geomeccanici del terreno: saturazione, pressione interstiziale, coesione, resistenza al taglio, etc.
  4. sostituisce in toto un intero pacchetto di lavorazioni-manufatti-materiali utilizzato negli interventi tradizionali  per contrastare l’erosione: geocelle, georeti, geogriglie, geostuoie, biostuoie, bioreti, mulch, matrici di fibre di legno legate, materiali plastici, terreno vegetale, terreno di riporto, con forti vantaggi tecnici, economici e ambientali
  5. rinaturalizza i versanti, favorendo la biodiversità e accelerando la successione ecologica
  6. sottrae fino al 400% in più di CO2 rispetto alle piante tradizionali
  7. non necessita di alcuna manutenzione (sfalci, irrigazioni, concimazioni, etc).

Litotipo: SABBIE  SILICEE

APPLICAZIONI PER LITOTIPI – TERRENI TRATTABILI CON I PRATI ARMATI®

Si intendono per terreni trattabili con i  PRATI ARMATI® tutte le rocce sciolte (terre) e le rocce lapidee (rocce) che per fessurazione, macrostruttura, tessitura, granulometria, addensamento, etc. consentono l’attecchimento e lo sviluppo dell’apparato radicale, quali:

 TERRE

  •  argille
  •  limi
  •  sabbie
  •  ghiaie
  •  loro miscele in proporzioni differenti

 ROCCE

  •  conglomerati (debolmente cementati)
  •  marne (alterate)
  •  calcareniti (debolmente cementate)
  •  flysch
  •  piroclastiti
  •  scisti
  •  rocce acide o basiche alterate o intensamente fratturate

L’attecchimento è ottenibile anche su suoli che, sotto il profilo pedologico, appaiono totalmente sterili o inquinati da idrocarburi e metalli pesanti in concentrazioni anche 10 volte superiori ai limiti massimi  di legge.

I PRATI ARMATI® attecchiscono anche su terreni additivati con calce fino al 5% in peso.

 

SABBIE SILICEE.

  1. Sabbia – Wikipedia

    it.wikipedia.org/wiki/Sabbia

     Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Sabbia (disambigua). ….Sabbia silicea;Sabbia calcarea;; Sabbia micacea;; Sabbia glauconitica.
  2. MINIERA DI FLORINAS

E’ una grande miniera che interessa un vecchio sito minerario abbandonato che Gruppo Minerali Maffei ha riutilizzato in parte. La passata attività aveva lasciato una eredità pesante per quanto riguarda i ripristini: una parete a precipizio, detta Massacci. Questa nel tempo si è erosa molto ed è stata soggetta a diversi crolli, tanto che per motivi di sicurezza si è dovuto intervenire togliendo la parte franabile, ma rendendo allo stesso tempo la pendenza ancora più accentuata. Questo non ha aiutato nelle operazioni di ripristino.
Ora la parete è stata in parte idroseminata e in parte rinverdita col sistema a tasche, che consiste nel creare delle nicchie nella roccia, riempirle di terra e mettervi a dimora una pianta casmofita, cioè adatta alla vita in parete. Nel resto della miniera di Florinas dove si è potuto operare normalmente, si sono creati dei terrazzi che hanno consentito un ripristino di qualità, fatto con arbusti autoctoni sardi e semi selvatici raccolti a mano. L’utilizzo di materiale genetico dell’Isola consente di non inquinare la biodiversità endemica e nel contempo di ottenere risultati migliori di attecchimento. Sono stati ricreati ambienti utili all’avifauna, tra cui un grosso stagno, che hanno consentito di censire nel 2009-2010 ben 78 specie differenti (Bordignon L. e Grussu M., 2011), tra cui specie rare in Direttiva Uccelli come Pellegrino (Falco peregrinus), Averla piccola (Lanius collurio), Succiacapre (Caprimulgus europaeus), Occhione (Burhinus oedicnemus), Tottavilla (Lullula arborea), Magnanina sarda (Sylvia sarda) e Magnanina (Sylvia undata). I risultati sono incoraggianti.

 

— Claudio Zarotti

Un Commento a “SABBIE SILICEE: RINFORZO E CONTROLLO DELL’EROSIONE SULLE SCARPATE DELLA MINIERA DI FLORINAS (SS)”

  • Litotipo: SABBIE SILICEE
    I PRATI ARMATI® vegetano perfettamente su qualsiasi litotipo, anche il più sterile e inquinato.
    L’impiego di questa tecnologia antierosiva naturale consente quindi di operare anche in aree in cui le condizioni pedoclimatiche erano fino a pochi anni fa ritenute proibitive per lo sviluppo della vegetazione e, data la sua semplicità realizzativa, riduce notevolmente costi, energia, rischi, tempi di lavorazione.