FAIL (the browser should render some flash content, not this).
Caricamento immagini....

Georeti, Geocelle, Geogriglie, Geostuoie, Biostuoie, Mulch, Terreno Vegetale e Bioreti: ENERGIA SPRECATA

 

georeti geocelle

georeti geocelle

POLITECNICO DI MILANO: è stata eseguita una analisi LCA per confrontare il consumo energetico conseguente alla produzione e utilizzo di materiali e manufatti antierosivi tradizionali quali georeti geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti.

Si sono paragonati gli investimenti energetici di queste soluzioni con queli dei PRATI ARMATI.

Analisi energetica e di inquinamento per varie soluzioni antierosive  (superficie di riferimento: 1 ha = 10.000 mq)

Nella prima parte vengono descritti i risultati del caso studio di un pendio autostradale, mentre nella seconda quelli del caso studio discarica a pendio.

A loro volta per ognuno dei due casi studio sono stati analizzati:

•   i fabbisogni energetici;

•   l’emissione di CO2;

•   gli inquinanti gassosi;

POLITECNICO DI MILANO:

analisi energetica e di inquinamento per varie soluzioni antierosive

(superficie di riferimento: 1 ha = 10.000 mq)

Nella prima parte vengono descritti i risultati del caso studio di un pendio autostradale, mentre nella seconda quelli del caso studio discarica a pendio.

A loro volta per ognuno dei due casi studio sono stati analizzati:

•   i fabbisogni energetici;

•   l’emissione di CO2;

•   gli inquinanti gassosi;

georeti-geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti

Con la tecnologia dei PRATI ARMATI®, non solo si blocca l’erosione, ma si hanno molti  vantaggi tecnici, economici, energetici ed ambientali:

  1. capacità di vegetare su ogni litotipo e clima anche in condizioni proibitive per qualsiasi altro tipo di vegetazione;
  1. bloccare la desertificazione e favorire la rinaturalizzazione;
  1. utilizzo di piante erbacee prevalentemente autoctone: con la possibilità di aggiungere qualunque semente di arbusti e alberi per facilitare la rinaturalizzazione e la successione ecologica;
  1. rinforzo corticale: incremento di resistenza al taglio di decine di kPa e incremento del fattore di sicurezza dei terreni dovuto alle radici profonde e resistenti  senza utilizzare  georeti-geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti, etc
  1. isolamento dei versanti dalle acque meteoriche: la parte epigea isola il versante dalle piogge come il tetto di una capanna, blocca l’erosione e diminuisce fino all’80% l’infiltrazione che può essere causa scatenante anche di frane, senza utilizzare  georeti-geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti, etc
  1. evapotraspirazione: in grado di estrarre ingenti quantità di acqua dai terreni (oltre 50 m3/ha/gg) migliorando così alcune caratteristiche geomeccaniche (saturazione, pressione interstiziale, etc);
  1. capacità di vegetare anche su suoli fortemente inquinati da metalli pesanti: piombo, cromo, zinco, nichel, rame, mercurio, cadmio, arsenico, cobalto, antimonio, selenio e senza utilizzare  georeti-geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti, etc
  1. isolamento dei suoli inquinati: impedisce la dispersione di polveri inquinanti ad opera di acqua e vento (trasporto in sospensione, per infiltrazione e deflazione eolica). Si pensi ai distretti estrattivi, alle miniere, al Parco Minerario dell’Ilva di Taranto e senza utilizzare  georeti-geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti, etc
  1. abbattimento dei costi energetici per realizzare l’impianto antierosivo: con un risparmio da 10 a 100 volte rispetto alle tecniche antierosive tradizionali  senza utilizzare  georeti-geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti, etc
  1. abbattimento degli inquinamenti emessi (CO2, CO, NOx, SOx, PM) per realizzare l’impianto antierosivo: con una riduzione da 10 a 100 volte rispetto alle sistemazioni antierosive più tradizionalie se non si utilizzano soluzioni energivore quali  georeti-geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti, etc
  1. sequestro di ingenti quantità di CO2 una volta che l’impianto sia andato a regime: nella biomassa epigea, nelle radici e negli essudati radicali ovviamente senza utilizzare  georeti-geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti, etc
  2. riduzione delle quantità di materiali impiegati per bloccare l’erosione: fino a 100 volte proprio perchè NON si utilizzano  georeti-geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti, etc
  3. riduzione dei tempi di impianto e dei rischi di cantiere: oltre 10 volte proprio perchè NON si utilizzano  georeti-geocelle-geogriglie-geostuoie-biostuoie-mulch-terreno-vegetale-bioreti, etc.

Cos’è il mulch

 

 

                                            Attestato SOA categoria OG13 classifica IV

 

 

— Claudio Zarotti

I Commenti sono chiusi